10 Segnali di Malessere nel cane

10 Segnali da imparare a riconoscere

Presenteremo di seguito una serie di situazioni molto comuni che saranno successe quasi sicuramente ad ogni proprietario di cane. Con questo breve elenco daremo modo ai proprietari di dare attenzione a dei sintomi comuni, spesso ben riconoscibili anche dai meno esperti. Andremo a delucidare dei brevi sintomi e il modo più giusto di agire. Naturalmente niente di quello che troverete scritto qui può assolutamente sostituire un’accurata visita del vostro veterinario di fiducia. Analizzeremo il  tutto da un aspetto assolutamente generale finalizzato a ispirarvi curiosità e domande  nei confronti del vostro cane, là dove necessario. Chiarito questo importante aspetto, cominciamo…

1) Minzione in modo incontrollato (pipi).

I piccoli incidenti possono sempre accadere, soprattutto se in concomitanza a particolari terapie appena intraprese, cambi di alimentazione, ambientazione o di sistema famigliare organizzativo. Se però tutto ciò diventasse routine abitudinaria allora c’e un problema. Può indicare disturbi nervosi, lesioni spinali e cerebrali, infezioni del tratto urinario, tumori o malattie infiammatorie croniche.  Fate tutto presente al veterinario per scongiurare stati fisiologici importanti, e se il problema fosse di natura comportamentale  riferitevi a un istruttore cinofilo o a un veterinario comportamentale. Per il veterinario sarebbe molto utile avere una mappatura completa delle urine, della giornata tipo del nostro cane. Sottolineandone il numero, la quantità e lo stato emozionale del cane durante la minzione.

2) BEVE più del solito.

CHI SIAMO

educatore-istruttore-cinofilo-cani-lucca-viareggio-pisa-pistoia-dog-addestratore

Attitude dog nasce dalla realizzazione di un sogno iniziato da lunghi percorsi di studio, pratica e sacrifici che mi hanno messo più volte  alla prova. Ho sempre avuto molto chiaro il traguardo da raggiungere perciò ho sempre dato il massimo, nonostante la consapevolezza che le mie ambizioni sono sempre state molto alte. Dopo numerose idee, disegni e sogni notturni alla fine sono arrivata a mettere realmente in pratica gli obiettivi che già da tempo mi ero prefissata. L’armonia e la passione che richiede questo lavoro non si apprende dai libri, bensì dall’amore, dalla sintonia e dall’empatia che si prova con gli animali con cui si lavora.

L’acqua è un bene che deve essere sempre a disposizione per il nostro cane, ma se vi accorgete che sta bevendo più del solito (ad eccezione di cambi di temperatura estivi naturalmente) potrebbe essere un segnale importante di: diabete, insufficienza renale, insufficienza epatica, morbo di Cushing, morbo di Addison, ipercalciemia, infezioni o febbre. Fate tutto presente al veterinario, possibilmente richiedete le classiche analisi delle urine e del sangue, poi eventualmente starà a lui guidarvi nella scelta migliore da fare.

3) DIARREA.

Ogni tanto può essere normale avere qualche disturbo intestinale legato a un cambiamento di processo psicologico, particolari cambi di alimentazione, sistemi di routine giornaliera(che influiscono sulla sfera psichica), o ambientazioni. Se però si presentano scariche diarroiche più prolungate, con magari tracce di sangue o muco nelle feci, ciò deve innescarvi delle preoccupazioni (più o meno gravi che siano). Raccoglietene un campione e richiedetene subito al veterinario un’analisi, naturalmente anche del cane se necessario. Di solito si consiglia di tenere a digiuno il soggetto per almeno 12H, senza però farli mancare l’acqua naturalmente, in quanto il cane è più a rischio di disidratazione.

4) Mancanza di APPETITO.

La mancanza di appetito può essere piuttosto naturale in periodi particolarmente caldi, o in quei particolari individui in cui l’inappetenza può definirsi abitudinaria, quasi cronica.  In questo specifico caso vi consiglio di fare un bel cambiamento alimentare, magari verso un alimentazione casalinga naturale, chiaramente sotto lo stretto controllo veterinario.  Là dove invece questa caratteristica non faccia parte del vostro cane vi consiglio un buon controllo veterinario per testare il benessere generale del soggetto, in particolare di bocca e denti, fino ad arrivare magari a particolari problemi gastro-intestinali. Chiedete una visita al vostro veterinario e riportate tutte le informazioni necessarie.

5) VOMITO.

Anche questo potrebbe rientrare nella normalità quando si tratta di episodi sporadici, anche per delle motivazioni prima elencate. Purtroppo, per quanto questo possa disgustarci,  può capitare che il cane rimangi il proprio rigurgito (preparatevi almeno mentalmente). Di solito si consiglia di tenere il soggetto a digiuno e privo d’acqua per almeno 12H. Se il cane vomita a getto o lo fa per più di una volta consecutiva portatelo subito dal veterinario potrebbe essersi avvelenato o avere qualche problema gastrico di rilevata importanza. Inoltre sarebbe sempre utile, anche qui per vostro immenso piacere, osservare bene il vomito del vostro cane. Questo potrebbe aiutare di molto voi o il veterinario a capire la fonte del problema.

6) OCCHI ROSSI.

Tale effetto potrebbe essere causato da una ferita agli occhi, un infiammazione, allergie, glaucoma o un problema più o meno serio. Se i sintomi non migliorano entro 2 giorni (anche prima se necessario!) chiamate subito il veterinario e fate visitare il soggetto.

7) SI GRATTA insistentemente.

Alcune ragioni che portano a grattarsi in maniera compulsiva potrebbero essere: allergie, stress, pelle secca, squilibri ormonali o parassiti. Vista la loro difficoltà di diagnosi e purtroppo a volte anche di terapie giuste da intraprendere, vi consiglio di far fin da subito presente tutto al veterinario, portandolo anche da uno specialista dermatologico se necessario. Il prurito è una della condizioni più comuni nel cane e spesso oltre che a livello fisiologico, la sfera psicologica, emotiva ed emozionale del cane gioca un ruolo padrone nella sua guarigione. Perciò oltre allo specialista dermatologico potrebbe essere utile riferirsi a un istruttore cinofilo o a un veterinario comportamentale.

8) ALITOSI.

Anche se ormai è risaputo che la maggior parte dei nostri cani non ha un alito al profumo di rose, moltissimo potrebbe essere dovuto al tipo di alimentazione che somministriamo loro. Ecco perchè tengo sempre di conto di valutare bene l’ipotesi di una corretta alimentazione casalinga naturale specifica per il nostro cane (naturalmente sotto consiglio e prescrizione veterinaria). Tenendo sempre in considerazione che se l’odore dell’alito del nostro cane, improvvisamente ci sembra peggiore del solito, potrebbe essere sintomo di: malattie gengivali, malattie renali, ingestione di sostanza tossica, diabete o tumori orali. Chiamate il veterinario e fatevi consigliare cosa è da escludere e cosa da prendere in esame.

9) SCUOTIMENTO continuo.

Come prima cosa si consiglia di controllare le orecchie, pulirle e osservare la presenza di gonfiore o rossore. In caso di un corpo estraneo visibile e facilmente estraibile possiamo provare delicatamente a estrarlo, se ciò vi creasse anche qualche minimo dubbio chiamare subito il veterinario e lasciate fare alle sue mani esperte. Prima di fare ulteriori danni e peggiorare la situazione anche per le manovre del veterinario, non toccate niente e lasciate subito fare a lui. La pulizia delle orecchie, specialmente se pendenti, è fondamentale. In commercio esistono svariati prodotti per l’igiene quotidiana dell’orecchie.

10) Mangia l’ERBA.

L’atto di mangiare l’erba può essere totalmente normale per il cane. Le ragioni per cui lo fa possono essere: perché semplicemente li piace, o perchè sfrutta la rugiada per rinfrescarsi la bocca. Ma purtroppo può anche preannunciare  un comportamento compulsivo o di scarico di stress, se fatto in maniera esagerata e incontrollata. A quel punto si sfocia in un problema Comportamentale, deve essere corretto il prima possibile. Affidatevi a chi di dovere per trovare il miglior modo per venirne fuori, non sottovalutate la psiche e lo stato interiore del vostro cane. La ragione, comunque più comune, che spinge i cani a mangiare l’erba è rimettere di stomaco. Vi sarete sicuramente accorti che molto spesso i cani prima di vomitare mangiano un po’ d’erba.

E con il punto 10 abbiamo concluso il nostro elenco delle principali “sintomatologie” dei nostri cani. Ora che sei arrivato in fondo ti sei ritrovato in almeno uno di questi casi? Come ti sei comportato? Hai notato qualcosa di diverso nel tuo cane? Hai deciso di mettere attenzione ad una di queste particolari situazioni per toglierti qualche dubbio? Attitude Dog si impegna a diffondere informazione per una corrette cultura cinofila.

Cassandra Conforti

corsi-educatore-istruttore-cinofilo-cane-lucca-pisa-pistoia-viareggio-cani-cucciolo-dog-hd-addestratore-servizi-wedding-puppy-animali-riabilitazione-comportamentale-educazione-base-istruzione-nose-work-consulenza-domiciliare-sitter-corsi-servizi
Condivi nei principali social: